Riserva del San Vicino: gli enti locali diano il loro appoggio.

Il 16 aprile gli enti locali saranno ascoltati nella IV commissione consiliare della Regione Marche dovendo esprimere il proprio parere

Legambiente chiede agli amministratori locali che difendano l’interesse generale contro pressioni lobbistiche di cacciatori e cavatori.

L’istituzione dell’area protetta ha anche una valenza di tutela della memoria storica dei luoghi della Resistenza.


Mercoledì 16 aprile i rappresentanti degli Enti locali saranno ricevuti in audizione alla IV commissione consiliare permanente della Regione Marche per esprimere il proprio parere sulla proposta d’istituzione della Riserva naturale e del Parco Storico della Resistenza di San Vicino e Canfaito. Saranno ascoltati sindaci, amministratori provinciali e delle Comunità Montane dopo che le associazioni ambientaliste e le associazioni venatorie hanno potuto esprimere i loro pareri lo scorso 26 marzo.

Le eccezionali caratteristiche ambientali e naturalistiche dell’area destinata ad essere tutelata sono testimoniate dalla presenza di aree floristiche protette, zone per la protezione della fauna, siti di protezione d’interesse comunitario. La zona è poi caratterizzata da ampie aree demaniali. Non possiamo dimenticare poi l’enorme patrimonio rappresentato dalla plurisecolare faggeta del pianoro di Canfaito (che ospita tra l’altro un esemplare di faggio di oltre 600 anni), il comprensorio del Monte San Vicino comprendente il castello di Elcito e l’abbazia di Valfucina, l’incontaminata Valdiola, teatro di sanguinose guerre partigiane e sede dell’antica abbazia di Roti.
Tante emergenze ambientali, ma anche storia, cultura e una fauna caratterizzata da esemplari di razze a rischio di estinzione, come l’aquila, il lupo e il gatto selvatico. Di recente è stata segnalata la presenza di un gruppo di cervi, provenienti dal Parco dei Monti Sibillini. La presenza di questi rari mammiferi è molto significativa e dimostra quanto sia importante una rete ecologica nella dorsale marchigiana, che collega il parco nazionale dei Monti Sibillini al parco regionale della Gola della Rossa. Ciò evidenzia il ruolo strategico della riserva di Roti, che andrà a costituire un ulteriore importante tassello del progetto A.P.E., Appennino Parco d’Europa.
Una riserva naturale, oltre a tutelare il territorio, è da valutare come seria e concreta possibilità di sviluppo,anche economico, grazie ai contributi previsti che potranno essere investiti in una zona che, soprattutto nel periodo estivo, vede la presenza di numerosi turisti attirati dalla bellezza di quei luoghi.
A nostro avviso c’è un altro fondamentale aspetto che non deve essere sottovalutato: la Regione Marche diversi anni fa nel piano regionale delle attività estrattive ha individuato in quella zona due bacini, di cui uno in regolare attività da circa due anni, situato a pochi metri al di fuori dei confini della riserva naturale. Senza entrare nel merito della scelta del sito, è innegabile che quell’area sta già pagando e pagherà ancora per tanti anni un prezzo molto alto dal punto di vista ambientale, il tutto per soddisfare le esigenze del settore edilizio. L’istituzione di una riserva naturale potrebbe costituire un atto di compensazione per lo scempio che si è voluto perpetrare in un sito incontaminato.
Concludiamo ricordando che la tutela del patrimonio ambientale rappresenta una delle vere scommesse per il futuro dei marchigiani, gli interessi di un’intera comunità che già si è espressa firmando in massa una petizione pro-riserva.
Tutto questo abbiamo rappresentato nel corso della nostra audizione al termine della quale abbiamo depositato una memoria che oggi il nostro Circolo ha trasmesso anche al Sindaco di San Severino.

Annunci

3 Risposte

  1. vergognateve voi tutti. parlate bene perche a voi la riserva del canfaito non vi porta nessun danno, noi agricoltori non possiamo piu coltivare ne allevare bestiame per colpa delle razzie delle selvagine. siamo stufi che tutti si riempiono la bocca di belle parole perche non ci sono i loro interessi in pericolo e soprattuto la sopravivenza delle loro famiglie. noi faccimo questo lavoro per far vivere le nostre famiglie e i nostri figli no per governare le vostre care bistiacce.

  2. Caro anonimo innanzi tutto se si è convinti delle proprie verità non è certo una vergogna fare un commento su un blog da sconosciuti.
    Aldilà di questa personale considerazione sig. anonimo Le volevo segnalare che la legge che regolamenta una riserva naturale prevede comunque la pratica della caccia settoriale ovvero l’abbattimento di quelle specie che sono in sovrannumero in pratica dei cinghiali. Se è questo che la preoccupa, può stare tranquillo l’importante è leggere la legge perchè le chiacchiere del bar non sono sempre attendibli.
    Comunque caro anonimo la ringraziamo del suo contributo anche perchè ci permette di fare chiarezza su una questione che in molti di chiarezza non vogliono proprio farne ma sono più propensi a fare sterile polemica atta a coprire gli interessi personali di pochi soggetti.Distinti saluti.

  3. errata corrige al post precedente: nella seconda riga dove scritto ” fare un commento su un blog da sconosciuti” volevo scrivere ” fare un commento su un blog firmandosi almeno col nome.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: